PRENOTA CHIAMACI

L'IMPLANTOLOGIA È SICURA

Cosa ti preoccupa di un intervento di implantologia? Temi l'intervento chirurgico o le eventuali complicazioni post intervento? I report sulla casistica riportano che la percentuale di successo degli interventi di implantologia arriva al 97%. Ci vogliamo soffermare sugli aspetti della sicurezza di questo tipo di riabilitazione orale.

PERCHÈ FA MALE RESTARE SENZA DENTI?


L'assenza di denti provoca disturbi di diverso tipo. Nell'immediato, oltre al danno estetico, provoca problemi di masticazione. Nel tempo si può verificare lo spostamento dei denti adiacenti e dei denti antagonisti, le gengive si possono ritirare, l'osso non sollecitato dalla masticazione si può riassorbire. Inoltre si è più soggetti a contrarre la carie interstiziale e infezioni orali come la parodontite. Nel lungo periodo si può verificare la perdita di ulteriori denti.

ALTO VALORE DELL'IMPLANTOLOGIA


Il ripristino dei denti mancanti tramite l'implantologia è un intervento che consente di ottenere risultati sicuri ed affidabili nel lungo periodo: un impianto, se ben curato, può durare anche 20 anni. Le tecniche di intervento sono sempre più raffinate e i materiali più performanti. In molti casi è possibile eseguire l'intervento attraverso tecniche che limitano notevolmente i sintomi post operatori e permettono di ottenere risultati soddisfacenti fin dalla prima seduta, quando il paziente viene dimesso con un provvisorio capace di restituire un sorriso apprezzabile dal punto di vista estetico e funzionale, in attesa di completare l'intervento con l'inserimento del dente definitivo. Inoltre, per inserire gli impianti, non è necessario effettuare interventi sugli altri denti presenti, preservandoli da limature e devitalizzazioni, a differenza di cosa avviene quando si vuole inserire un ponte dentale o una protesi rimovibile che si aggancia sui denti residui.

CAUSE FALLIMENTO IMPLANTARE


Abbiamo detto che la percentuale di successo di questo tipo di intervento è molto alta, ma non è del 100%. Molti pazienti ci chiedono spiegazioni sul 2/3% di casi di fallimento dell'implantologia. Il fallimento dell'implantologia deriva dalla mancanza dell'osteointegrazione, cioè la vite implantare non è stata integrata nell'osso. Quali sono le cause di questa evenienza? L'apertura del lembo suturato durante il posizionamento dell'impianto; la presenza di una malattia infiammatoria dei tessuti molli adiacenti all'impianto; la mobilità dell'impianto durante la fase di guarigione; la presenza di patologie pregresse e cattive abitudini come il fumo o l'assunzione di alcool. L'intervento si può certamente ripetere, ma se il fallimento è dovuto a dei comportamenti del paziente, è ovvio che è necessario che vengano modificati. Potrebbe anche trattarsi di un errore da parte dell'implantologo, di una conseguenza derivata da un campo operatorio non completamente sterile, per questo è fondamentale rivolgersi a professionisti come Unica Clinica Dentale dove implantologi specializzati operano seguendo scrupolosamente i protocolli di intervento per essere sicuri che venga fatto tutto il possibile per ottenere il successo chirurgico.

RISCHI IMPLANTOLOGIA


Una volta avvenuta l'osteointegrazione, la durata dell'impianto dipende dal paziente, dalla sua salute e dalla sua costanza nel prendersi cura della propria igiene orale. Chi ha uno o più impianti, infatti, corre il rischio di incorrere in un tipo di infezione specifica di origine batterica, la perimplantite. Questa riguarda i tessuti che circondano l'impianto. I sintomi di questa infezione sono piuttosto generici, ma ben evidenti: gonfiore alla gengiva, sanguinamento, mobilità dell'impianto. Se non curata, questa infezione porterà al riassorbimento dell'osso che causa a sua volta la perdita degli impianti. In questo caso non è detto che si possa procedere con un nuovo intervento di implantologia, perché l'infezione potrebbe essere molto estesa ed aver danneggiato l'osso. Per scongiurare l'infezione è importante essere costanti sia nelle procedure di igiene orale domestica sia nel sottoporsi alle visite di controllo e di igiene professionale in modo da poter individuare precocemente l'infezione e procedere con le dovute cure.

LE ALTERNATIVE AGLI IMPIANTI DENTALI


Esistono delle alternative per ripristinare i denti mancanti senza ricorrere all'implantologia, come i ponti dentali adatti quando manca un solo dente e le protesi mobili adatte a sostituire più denti o intere arcate. Queste alternative acquistano molta importanza quando la situazione del paziente presenta delle controindicazioni assolute al posizionamento degli impianti. Negli altri casi si tratta di opzioni che vengono comunque presentate al paziente in modo che abbia il quadro completo delle possibilità per decidere a quale tipo di trattamento sottoporsi. Una scelta adeguata deve tener conto dei costi economici e biologici dell'intervento, delle garanzie a lungo termine e delle implicazioni sulla vita quotidiana, nello specifico estetica del sorriso e confort a livello funzionale. Se non hai uno o più denti ti aspettiamo in studio. Dopo un'attenta valutazione del tuo caso potremo aiutarti ad individuare il trattamento più adatto a soddisfare i tuoi bisogni e le tue aspettattive nel restituirti il sorriso che desideri.




ULTIMI ARTICOLI

IMPLANTOLOGIA, COME AVVIENE L'INTERVENTO?

SORRIDERE SENZA IMBARAZZO, CHIEDI AL DENTISTA

PROTESI DENTALE, QUALE SCEGLIERE?





Inmente